Vi ricordate l’Essential Phone? È stato il primo device ad adottare un design completamente borderless ed è stato il precursore del notch. Infatti, sul loro device è presente una tacca molto più piccola di quella odierna, che contiene solo il sensore fotografico.

Andy Rubin, fondatore dell’azienda, starebbe valutando la vendita di Essential

Questa determinerebbe la cessione di tutti gli asset, compresi i brevetti, l’hardware attuale e i progetti in fase di sviluppo.

Stando a quanto riportato da Bloomberg, gli ingegneri che stavano portando avanti il progetto del nuovo terminale, sono ora al lavoro su un prodotto smart home, che verrà annunciato l’anno prossimo. Ovviamente, queste dichiarazioni potrebbero anche rivelarsi non vere. Infatti, potrebbe essere ingegnerizzato anche un possibile successore del Essential Phone.

A tal proposito, Andy Rubin ha dichiarato:

“Abbiamo sempre molteplici prodotti in sviluppo contemporaneamente e accettiamo di annullarne qualcuno in favore di quelli che pensiamo avranno maggior successo. Stiamo indirizzando i nostri sforzi verso il nostro futuro, su prodotti rivoluzionari, che comprendono prodotti mobile e home”.

Cosa possiamo dedurre da questa dichiarazione?

Ovviamente, da questa dichiarazione, non evince niente. Il fondatore di Essential cerca di rimanere sempre vago, non dando nessun punto di riferimento.
Speriamo vivamente che il progetto dedicato al prossimo smartphone venga portato a termine. Anche questa prima edizione, pur non essendo paragonabile ai top di gamma più blasonati, era un device molto valido.

Sono un ragazzo di 21 anni che ha una passione smisurata per tutto ciò che possiede uno schermetto. Amante della tecnologia per passione, #Android addicted per scelta