Nell’ultimo biennio, uno dei settori in continua crescita è sicuramente quello degli smartwatch. Ne esistono di tutti i tipi e possiedono delle funzionalità molto interessanti ed innovative. L’ideo di fondo è sempre la stessa: riuscire a costruire un orologio smart, il quale non si discosti molto dall’estetica di un orologio “classico”.

Questo fino ad oggi, perché, nell’università di Carnegie Mellon, è stato ingegnerizzato prima e costruito dopo, uno smartphone davvero “particolare”: stiamo parlando di Lumiwatch.

Il braccio diventa smart grazie a Lumiwatch

Premettendo che stiamo parlano di un prototipo, questo smartwatch possiede una funzione unica nel suo genere: rende il nostro braccio “smart”, proprio come nei migliori film di fantascienza.

La macchina in questione, è costituita da una semplice case in metallo, dalla batteria e dalla varia componentistica che lo rende unico. Cosa manca? Il display!

Come fare per interagire con il nostro smartwatch?

A causa della mancanza del display, nella parte laterale destra dello smartwatch, è stato implementato un proiettore laser a scansione avente una potenza di 15 lumen. Questo, proietterà il display sul nostro braccio.

Grazie a tutti i sensori presenti all’interno, Lumiwatch effettuerà una semplice scansione del nostro dito e, in base alla posizione che assumerà, proietterà lo schermo: ovviamente, la comodità di possedere un proiettore, è che il display si adatterà “comodamente” alla forma del nostro braccio (superficie irregolare).

Riguardo alla scheda tecnica, possiamo dire che possiede delle dimensioni non contenute: 50mm*41mm*17 mm che rendono lo smartwatch abbastanza ingombrante.

Riguardo al SoC, troviamo un Qualcomm Snapdragon 400 con GPU Adreno 305, accompagnato da 768 MB di memoria RAM.

Riguardo al sistema operativo, troviamo un OS abbastanza “vecchio”: Android 5.1 Lollipop.

Il vero tasto dolente di questo “prodotto” è il prezzo: infatti, dovrebbe essere lanciato sul mercato a 600 $, circa 497,10 €. (vi ricordo che stiamo parlando di un prodotto in fase prototipale)

Questo smartwatch rappresenterà il punto di svolta, dove la tecnologia crea un connubio perfetto con il nostro corpo, oppure si tratterà dell’ennesimo prototipo finito del dimenticatoio?

Sono un ragazzo di 21 anni che ha una passione smisurata per tutto ciò che possiede uno schermetto. Amante della tecnologia per passione, #Android addicted per scelta