Si è concluso da poco il famoso concorso fotografico, legato al fotogiornalismo, che ha visto quest’anno la vittoria di Ronaldo Schemidt con la sua fotografia che riporta la più brutta crisi sociale del Venezuela della storia. Il World Press Photo porta ogni edizione delle opere di grande successo ma anche  degli importanti dati legati al mercato, e nella fattispecie alle macchine fotografiche, più utilizzate dai partecipanti.

I dati sembrano dare un’ottima notizia, non solo a Nikon che si ritrova ad essere tra i marchi più utilizzati, ma anche a tutto il settore Reflex (83,5 %) che si dimostra essere ancora una volta un sistema molto apprezzato, ed utilizzato, dai professionisti.

Una boccata d’aria per Nikon?

Come sappiamo Nikon non sta passando un bel momento dal punto di vista economico e societario. Vari tagli al personale e alla fabbriche hanno dato la possibilità di poter rimanere “apparentemente” con i piedi saldi nel mercato odierno. Questa notizia, unita alle ottime vendite delle sue ultime macchine (Nikon D850) e delle possibili Mirrorless in arrivo a fine anno, fanno ben sperare che la casa giapponese possa riprendersi la sua “fetta di mercato”, persa nel passato, e di poter stare ancora per un pò “tranquilli”.

La scalata verso la ripresa è iniziata grazie ad una più attenta pubblicità legata ai suoi prodotti e ad un implemento mostruoso della qualità delle macchine fotografiche di ogni settore e pubblico (anche le stesse entry-level che prima potevano essere classificate come amatoriali tutt’oggi offrono una qualità veramente interessante). La già menzionata Nikon D850 è la perfetta rappresentazione di un lavoro minuzioso e calcolato per offrire un prodotto di altissima qualità che può benissimo competere, se non sopraffare, le dirette concorrenti.

Cosa dobbiamo aspettarci da Nikon in futuro?

Nikon non sembra avere intenzione di rimanere ferma nel futuro, la casa produttrice giapponese punterà in maniera determinante nel settore Mirrorless (per poter anche limitare la distanza con Sony e Canon) e alla produzione di macchine ed accessori sempre più performanti. Già da quest’anno potremmo vedere la sua prima fotocamera Fullframe Mirrorless, con un nuovo attacco(?), e uno svecchiamento delle sue ottiche più amate e vendute (processo già iniziato qualche mese fa).

Attendiamo quindi con ansia nuove novità sul marchio giapponese sperando possa ancora crescere e riprendersi il suo posto che gli spetta di diritto.